È un vecchio film italiano, tutti lo avete visto.
La trama: una normale domenica al mare, la mamma sulla riva. Scruta l’orizzonte con la mano destra che, prima, le fa da parà agli occhi: individuato. Dopo le mani, destra e sinistra, aprono e chiudono una parentesi ai lati della bocca: #esciiii, grida la mamma. L’eco rimbalza, la mano destra volteggia nell’aria: saluta, indica, dà i numeri (“due minuti ed #esciii”). L’interlocutore non è interessato al messaggio.

#Faestate: il genitore sulla riva, il figlio in ammollo da ore, i segnali invisibili e le parole inascoltate. Son parole tirate al vento e al sole.
La Pina Deejay, in questi giorni, chiede ai radioascoltatori del programma Pinocchio di raccontare con una foto cosa #faestate. Un anno fa, di questi tempi, l’hashtag era #esciiii: racconto real time dal bagnasciuga con attori protagonisti mamme, papà, nonne, zie, tate shouters.

mamme al mare
mamme urlatrici @cinziolin Twitter

Questo trend delle mamme urlatrici, così sono state etichettate, non è solo il film più estivo di sempre ma è anche fortemente made in Italy. Le mamme d’Italia sono apprensive anche lì dove l’acqua è bassa per molti metri, così sentenzia Luca Bianchini su Vanity Fair. Il ‘gioco’ lanciato da La Pina, dice, meriterebbe una mostra fotografica. Nelle foto l’obiettivo è puntato sulle mamme, i bambini non si vedono, sono fuori dal campo visivo. Ma le mamme li vedono eccome, è bastato fissare l’orizzonte 30 secondi contati. Che occhio!

Ecco gli hashtag più simpatici che hanno accompagnato le immagini cult: #esciiii #vienipiùinqua #tihodettoesci #hailelabbraviola #guardatilemani #staidovetivedo #seidentrodaore.

Forse le mamme francesi intonerebbero un ‘mon petit amour c’est l’or de andàr’, noi Zazi, intanto, testimoniamo che alle 12.30/13.00 scatta l’ora x: l’asciugamano al braccio e l’urlo risoluto. Con l’immagine sotto documentiamo e lanciamo una petizione “Mamme italiane che si sgolano al mare – Patrimonio dell’Umanità”.

mamme al mare
Mamme urlatrici in tre tempi: scrutano l’orizzonte, salutano, indicano / Lido Conchiglie, Gallipoli